I verbali della Fed di fine mese hanno portato una ventata di ottimismo a Wall Street, che peraltro oggi resterà chiusa in occasione del Thanksgiving day, ovvero il giorno del Ringraziamento, mentre venerdì osserverà una sessione ridotta con chiusura alle 18.

Dal documento si evince che il prossimo rialzo dei tassi, già scontato dai mercati, sarà di 50 punti base e non di 75 come nelle precedenti 4 occasioni, ma soprattutto è emersa la volontà di rallentare il passo delle ulteriori strette future da parte della Fed.

Il future sul Nasdaq ha terminato la seduta di ieri in rialzo dello 0.92% a 11.862 punti.

Nella precedente analisi dell’11 novembre scorso avevamo sottolineato che anche in caso di chiusura di ottava forte e consolidamento sopra la resistenza a 11.750 punti, sarebbero permaste le aspettative di assistere ad uno storno nella prossima ottava prima di ripaadrtire con gli acquisti.

Difatti nella scorsa ottava il mercato è andato incontro ad una correzione, difendendo però area 11.500 punti, un chiaro segnale che l’aria sta cambiando su questo mercato e che i venditori stanno facendo ora un passo indietro.

La settimana del Thanksgiving day è storicamente incline ai rialzi ed in questa ottava il saldo positivo è al momento pari al 1.79%.

Il mercato sta ora ritestando nuovamente la resistenza a 11.950 punti e riteniamo che un breakout di tale livello, confermato in chiusura, fornirebbe lo slancio per raggiungere i 12.400 punti, con target intermedio a 12.250 punti.

A 12.400 punti troviamo una confluenza di resistenze statiche e dinamiche estremamente importanti, poiché da lì passa la trendline che congiunge i massimi di swing del 2022; un eventuale breakout di tale livello migliorerebbe in maniera notevole il quadro tecnico, aprendo le porte ad un recupero più ampio del comparto “growth”.

In caso di nuovo rifiuto del prezzo a 11.950 punti attendiamoci invece un nuovo retest degli 11.600 punti, ma i segnali che arrivano in questo momento dal confronto con gli altri listini suggeriscono un cambio di equilibri che dovrebbe favorire ora il comparto dei tecnologici.

Infatti ora il comparto dei tecnologici gode di forza relativa superiore rispetto ai titoli “value” tradizionali, mentre anche i rapporti di forza tra Dax e Nasdaq sembrano in questo momento favorire quest’ultimo.

Soltanto in caso di chiusura giornaliera sotto gli 11.550 punti ci aspettiamo una correzione più marcata, con possibile test di area 11.100-11.000 punti.

Riteniamo infine che un recupero del Nasdaq dei 13.000 punti, con conferma in chiusura settimanale, invertirebbe la tendenza di lungo periodo che tornerebbe ad essere long.

Vediamo di seguito un’operazione effettuata ieri sul Mini Nasdaq future da uno dei nostri trading system.

L’algoritmo è entrato in acquisto in apertura di sessione cash a 11.789 punti ed ha liquidato poi l’operazione in serata a 11.874 punti.

Il gain complessivo è stato di quasi 1.700 dollari.

The following two tabs change content below.

Filippo Giannini

Laureato in ingegneria, dal 2010 opera sui mercati finanziari come trader indipendente. Membro della Società Italiana di Analisi Tecnica (SIAT), per TradingFacile opera come trader quantitativo, analista tecnico e responsabile del settore formazione. Collabora con le principali testate giornalistiche di settore, realizzando report e analisi di mercato.