Seduta contrastata ieri a Wall Street, con i principali indici azionari statunitensi che hanno iniziato la nuova ottava all’insegna dell’incertezza.

Dopo aver aggiornato i massimi storici S&P500 e Nasdaq hanno subito una forte correzione che li ha spinti a chiudere in territorio negativo, mentre invece il Dow Jones ha terminato la sessione sopra la parità.

Le maggiori perdite ieri sono state registrate sull’indice tecnologico; il future sul Nasdaq ha chiuso la seduta a 16.382 punti, in calo dell’1.25%, dopo aver toccato un nuovo record a 16.767 punti.

A spingere il mercato su nuovi massimi è stata la riconferma per un secondo mandato di Jerome Powell, che dunque sarà alla guida della Fed fino al 2026; l’altra candidata, Lael Brainard, è stata invece nominata come vicepresidente della banca centrale.

Al momento della scrittura il Future sul Nasdaq con scadenza dicembre 2021 si sta muovendo ancora al ribasso e sta testando la tenuta del supporto a 16.300 punti.

Nell’ultima analisi del 18 Novembre sul Nasdaq avevamo scritto che il consolidamento sopra area 16.300 punti sarebbe stato da intendersi come un segnale positivo dove attendersi un ulteriore allungo, con primo target a 16.600 ed in estensione 17.000 punti.

Il mercato ha raggiunto ieri il primo target e nonostante la successiva correzione, le aspettative rialziste restano invariate e quota 17.000 punti potrebbe essere raggiunta nelle prossime sessioni se il mercato riuscisse oggi a difendere in chiusura area 16.300 punti.

In caso di chiusure giornaliere sotto tale livello è lecito invece attendersi un’ulteriore correzione, con il supporto dinamico a 16.100 punti che rappresenta a nostro avviso un ottimo livello dove cercare occasioni per rientrare a mercato long; ancora più in basso troviamo supporti a 15.750 e quota 15.500 punti, livelli che potrebbero essere ritestati in caso di ulteriore correzione di breve ma che comunque manterrebbero invariata la visione rialzista di fondo.

Per un’inversione ribassista di tendenza servirà invece una chiusura settimanale inferiore a 14.750 punti.

Vediamo di seguito un’operazione effettuata ieri da uno dei nostri trading system automatici sul Mini Nasdaq Future.

L’algoritmo è entrato a mercato in vendita nel pomeriggio a quota 16.699 punti, la posizione è stata liquidata dopo nemmeno un’ora a 16.458 punti; il gain complessivo è stato di 4.830 dollari.

Se desideri ricevere maggiori informazioni su questo trading system e confrontarti con la nostra operatività, puoi contattarci a:

info@tradingfacile.net

+39 393 0974886

Per restare sempre aggiornato sulle operazioni dei nostri T.S. o sulla nostra attività, iscriviti al nostro canale telegram cliccando qui.

The following two tabs change content below.

Filippo Giannini

Laureato in ingegneria, dal 2010 opera sui mercati finanziari come trader indipendente. Membro della Società Italiana di Analisi Tecnica (SIAT), per TradingFacile opera come trader quantitativo, analista tecnico e responsabile del settore formazione. Collabora con le principali testate giornalistiche di settore, realizzando report e analisi di mercato.