Gli indici azionari europei avviano la nuova settimana all’insegna dell’ottimismo, in scia alle ottime performance registrate nella seduta di venerdì.

Al momento della scrittura il future sul principale benchmark europeo sta facendo registrare rialzi superiori all’1%; la seduta di venerdì di era chiusa a 13.116 punti, in guadagno dell’1.53%.

Gli investitori continuano a monitorare l’andamento dell’inflazione e per questo motivo l’attenzione di questa settimana sarà rivolta al meeting di Sintra in Portogallo, che partirà questa sera e dove si riuniranno i banchieri centrali.

Da questo forum sono attese maggiori indicazioni sulla politica monetaria di Fed e Bce per combattere l’inflazione e allora stesso tempo evitare la recessione.

A livello macro c’è da segnalare anche il default tecnico della Russia, che non è stata in grado di pagare 100 milioni di interessi su due obbligazioni, una in dollari e una in euro.

Analizzando il quadro tecnico sul future tedesco possiamo osservare come il mercato stia ora scambiando su un livello delicato, i cui test nelle ultime due settimane periodo hanno portato vendite in diverse occasioni.

Parliamo della resistenza tra 13.300 e 13.400 punti.

Nella scorsa analisi del 20 giugno avevamo sottolineato la possibilità di operare lato short nel caso avessimo assistito ad un pullback su tali livelli.

Di fatto, dopo che martedì scorso il mercato ha toccato quota 13.400 punti abbiamo assistito ad una correzione nelle successive sedute fino a registrare nuovi minimi a 12.800 punti.

Visto il contesto attuale sarà pertanto fondamentale monitorare la chiusura odierna, poiché in caso di nuova candela resistiva in area 13.400 punti sarà lecito attendersi una nuova correzione.

In caso di chiusura giornaliera sopra quota 13.400 punti possiamo invece aspettarci una continuazione del rimbalzo, anche se le aspettative nel breve non propendono per un forte recupero.

In caso di recupero di 13.400 sarà possibile assistere ad un test di quota 13.700, dove però riteniamo che il mercato incontrerà nuova difficoltà; su tali livelli troviamo infatti i massimi della barra benchmark ad ampio range del 16 giugno scorso, un precedente massimo di swing (19 maggio scorso) e un gap down aperto tra il 10 e il 13 giugno scorso.

Monitoriamo sempre la volatilità implicita Vstoxx, anch’essa ora su livelli delicati a 27.50 punti dove il mercato potrebbe trovare supporto, alimentando quindi nuove discese dell’azionario.

Il prossimo importante supporto per il Dax è posizionato a 12.500 punti, vicino ai precedenti minimi annuali.

Di contro per assistere ad un deciso miglioramento della struttura tecnica di fondo sul Dax sarà necessario  un breakout al rialzo di area 14.600 punti.

Vediamo di seguito un’operazione effettuata venerdì da uno dei nostri trading system sul future Dax.

L’algoritmo è entrato long in mattinata a quota 12.957 punti, l’operazione è stata poi liquidata in serata a 13195 punti; il gain complessivo è stato di 5.475 euro.

The following two tabs change content below.

Alessio Moretti

Laureato in Economia e Management. Esperto di Digital Marketing e Social Media Marketing, dal 2017 è Content Editor e Social Media Strategist di TradingFacile. La sua grande passione per la fotografia lo ha portato negli anni a diventare un influencer su Instagram e su altri social media.