Borse europee: Ftse100

I mercati azionari europei hanno aperto per lo più al ribasso mercoledì, nonostante i rialzi registrati in Cina e Giappone durante la notte in attesa di ulteriori misure monetarie accomodanti da parte della PBoC. I listini europei e i futures statunitensi raccontano una storia diversa questa mattina, avendo mostrato un calo poco dopo l’apertura. Sebbene questa limitata correzione del mercato possa essere percepita come una normale reazione dopo la forte seduta di ieri, molti investitori la vedono come un’operazione di copertura prima del cruciale rapporto sull’inflazione statunitense nel tardo pomeriggio. È probabile che gli opeartori rimangano cauti prima del rilascio dei dati, soprattutto dopo che il presidente della Fed Jerome Powell ha affermato ieri che la banca centrale statunitense non esiterà ad affrontare la pressione sui prezzi. Anche se ulteriori rialzi dei tassi sembrano essere già ben prezzati dal mercato, permangono le preoccupazioni sulla velocità con cui la liquidità potrebbe essere ritirata quest’anno. Nello specifico, è probabile che i titoli energetici vengano scambiati lateralmente durante le prime negoziazioni in attesa del rilascio settimanale delle scorte di petrolio greggio statunitense di oggi. La migliore performance tra gli europei viene da Londra, dove l’indice FTSE-100 ha superato la sua resistenza a 7.530 punti e potrebbe sfidare il prossimo obiettivo di 7.575 punti.

grafico ftse100

Pierre Veyret – Analista tecnico, ActivTrades

 

Commodities: Oro

I prezzi dell’oro sono aumentati dopo la testimonianza del presidente della Fed al Senato degli Stati Uniti. Jerome Powell ha versato un po’ d’acqua sul fuoco per coloro che si aspettavano un ulteriore inasprimento della politica monetaria della banca centrale statunitense, ed ha affermato che gli aumenti dei tassi e la riduzione del bilancio sono decisioni da non prendere alla leggera e, se alla fine dovessero arrivare, il processo richiederebbe probabilmente diversi mesi. L’impatto di questa dichiarazione è stato immediato, spingendo al ribasso il dollaro e i rendimenti dei Treasury e giovando all’oro che ha una correlazione invertita con la valuta americana. Nel corso della giornata di oggi verranno pubblicati gli ultimi dati sull’inflazione statunitense, evento che sarà seguito da vicino dagli investitori in oro, poiché è probabile che un numero elevato sostenga il dollaro e quindi rallenti la corsa del metallo prezioso. Tuttavia, se i numeri CPI deludessero al ribasso, ci sarà spazio per ulteriori guadagni dell’oro.

oro grafico

Ricardo Evangelista –Analista Senior, ActivTrades

 

Valute: Dollar Index

Il dollaro ha perso terreno verso le altre principali valute dopo le dichiarazioni di ieri del presidente della Fed Jerome Powell, secondo cui ci vorranno ancora alcuni incontri (mesi) prima che la banca centrale statunitense inasprisca ulteriormente la sua politica monetaria. La dichiarazione ha deluso i rialzisti del dollaro, che si aspettavano che la Fed sarebbe tornata a una politica più aggressiva. Con tre rialzi dei tassi attesi per quest’anno e lo scioglimento del programma di acquisti già integrato nel valore del dollaro, saranno necessarie ulteriori misure di inasprimento monetario per sostenere ulteriori guadagni del biglietto verde. I numeri odierni dell’IPC potrebbero, se sorprendenti al rialzo, riaccendere la narrativa della necessità di una maggiore stretta per contenere l’inflazione. Ma se i numeri deludessero al ribasso, potrebbero innescare un’ulteriore debolezza del dollaro.

dollar index

Ricardo Evangelista –Analista Senior, ActivTrades

 

Gli analisti di ActivTrades

Ricardo Evangelista è approdato ad ActivTrades nel 2011 e ha ricoperto diversi ruoli senior, tra cui la gestione del desk internazionale. È fra i relatori di webinar e convegni di ActivTrades nel Regno Unito, collabora con media e tv fornendo analisi di mercato sul forex e sui principali strumenti finanziari. Dal novembre 2016 è Senior Executive Officer (SEO) della filiale di ActivTrades Dubai, con responsabilità di gestione generale della sede. Prima di giungere ad ActivTrades ha lavorato presso altre istituzioni finanziarie e nel settore IT.

 

Pierre Veyret ha un’esperienza decennale sui mercati finanziari. Ha imparato l’importanza della finanza comportamentale e del money management dai grandi professionisti del settore.

La sua vera specialità comunque risiede nella analisi tecnica, che ha avuto la possibilità di studiare in maniera approfondita acquisendo la certificazione IFTA, prima di diventare parte del team di ActivTrades, circa cinque anni fa.

Click below to view ActivTrades Plc. Risk Disclosure and Disclaimer:

http://www.activtrades.com/index.aspx?page=legal_disclaimer

The following two tabs change content below.

Alessio Moretti

Laureato in Economia e Management. Esperto di Digital Marketing e Social Media Marketing, dal 2017 è Content Editor e Social Media Strategist di TradingFacile. La sua grande passione per la fotografia lo ha portato negli anni a diventare un influencer su Instagram e su altri social media.