Con un progresso di oltre il 6%, l’S&P 500 ieri ha chiuso la serie di tre giorni consecutivi di rialzo con cui l’indice ha realizzato la variazione più ampia dal 1933.

Tuttavia, alcuni analisti avvertono che il prezzo potrebbe essere arrivato a livelli dai quali potrebbe ripartire una nuova ondata di vendite.

Graficamente, il prezzo ha invertito a 2637, in corrispondenza del 3° target short mensile del Target Geometry e poco al di sotto della resistenza sui minimi di febbraio 2019 a 2681.

La flessione giornaliera, con -2.70%, è in linea con il trend principale evidenziato sia dai rendimenti percentuali che dalle medie cicliche. L’RSI è inferiore ai 50 punti punti su tutti i TF, eccetto che sul settimanale, confermando la forte pressione in vendita attiva sul mercato.

Vuoi ricevere gratuitamente Mql Suite? contattaci

Un cedimento dell’area di consolidamento nel range 2481/2426 (rispettivamente 6° e 5° target short mensili), darebbe ragione alle previsioni ribassiste.

Viceversa, le tenuta di questo supporto potrebbe preparare un nuovo rally in direzione della media mensile a 2870.

Articolo a cura della redazione di MQL Suite

The following two tabs change content below.

Alessio Moretti

Laureato in Economia e Management. Esperto di Digital Marketing e Social Media Marketing, dal 2017 è Content Editor e Social Media Strategist di TradingFacile. La sua grande passione per la fotografia lo ha portato negli anni a diventare un influencer su Instagram e su altri social media.