Piazza Affari chiude l’ottava di contrattazioni in deciso rialzo, segnando un +5.16% con chiusura a 17.177 punti.

A livello macro sicuramente il mercato ha beneficiato dell’annuncio di mercoledì scorso da parte della presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Leyen, che ha avanzato una proposta da 750 miliardi per finanziare la ripresa economica nel post Covid-19.

La proposta totale, di dimensioni mai viste prima, neanche durante la crisi finanziaria del 2008/2009, è in realtà di quasi 2 trilioni di euro, considerando anche 1.1 trilioni di euro di budget per i prossimi 7 anni.

Per pagare questi 750 Miliardi la Commissione dovrebbe emettere bonds a 30 anni e i pagamenti partirebbero dal 2028.

La grandissima novità è costituita dal fatto che almeno 500 Miliardi dovrebbero essere a Fondo Perduto, con una quota rilevante (si parla i 82 miliardi) attribuita all’Italia, tra i paesi più colpiti dal Covid-19.

Anche se l’accordo finale sarà negoziato al ribasso, per via dell’ostruzionismo dei paesi rigoristi come Austria, Olanda, Svezia e Danimarca, ossia i cosiddetti “Frugal Four”, si tratta in ogni caso di un passo significativo.

Al di là del valore numerico dei rialzi, ciò che abbiamo osservato sul principale listino nostrano è stato un deciso miglioramento del quadro tecnico, con il mercato che è riuscito a scardinare l’importante resistenza posizionata a quota 18.000 punti.

In particolare nella giornata di giovedì scorso il mercato ha annullato il segnale tecnico di debolezza costituito dalla barra engulfing ad ampio range del 30 aprile scorso, chiudendo sui massimi una seduta caratterizzata da scambi piuttosto vivaci ed in linea con il trend degli ultimi giorni; a partire dal 19 maggio abbiamo infatti osservato un importante aumento dei volumi scambiati, ovvero da quando la Consob ha revocato il divieto di vendita allo scoperto.

Nella sessione odierna il mercato sta scambiando in fase laterale, ma ora le eventuali discese nell’area di prezzo tra 18.000 e 17.600 costituiscono occasione per nuovi acquisti, con obiettivi a quota 19.000 punti in primis; segnaliamo gli ulteriori livelli di resistenza a quota 19.400, 19.800 20.000, 20.300 e 20.550 punti.

Ricordiamo che domani martedì 2 giugno, nonostante la festa della Repubblica, Borsa Italiana resterà aperta e seguirà il normale orario di contrattazione.

L’unica modifica riguarderà il trading after-hours, che verrà sospeso sia martedì che lunedì 1 giugno.

Vediamo di seguito un’operazione aperta nella giornata di venerdì sul Ftse Mib future.

Il trading system è entrato a mercato con un contratto in vendita a 18.370 punti, dopo le difficoltà incontrate dal mercato nell’attacco ai massimi della sessione precedente.

L’operazione è stata liquidata in chiusura di sessione a quota 18.195, con un gain di 175 punti di Ftse Mib future.

operazione trading system

Se desideri ricevere maggiori informazioni sui nostri TradingSystems e confrontarti con la nostra operatività, puoi contattarci a:

info@tradingfacile.net

+39 393 0974886

Per restare sempre aggiornato sulle operazioni dei nostri T.S. o sulla nostra attività, iscriviti al nostro canale telegram cliccando qui.

The following two tabs change content below.

Filippo Giannini

Laureato in ingegneria, dal 2010 opera sui mercati finanziari come trader indipendente. Membro della Società Italiana di Analisi Tecnica (SIAT), per TradingFacile opera come trader quantitativo, analista tecnico e responsabile del settore formazione. Collabora con le principali testate giornalistiche di settore, realizzando report e analisi di mercato.