Oggi a Vienna prende il via il meeting straordinario di due giorni dei Paesi OPEC+. La possibilità di nuovi tagli alla produzione sta sostenendo le quotazioni del greggio.

Al momento della scrittura, il benchmark Brent, in calo dello 0.30%, registra una flessione dai massimi segnati ieri a 64.28, poco sopra i 64$ segnalati dal Target Geometry come secondo target long per il mese in corso.
Sembra anche confermata la resistenza sui massimi di ottobre a 64.57, e l’RSI mensile ancora inferiore ai 50 punti, in contrasto con la forza dei periodi più piccoli, potrebbe alimentare un’ulteriore discesa dei prezzi nelle prossime ore.

Vuoi ricevere gratuitamente Mql Suite? Apri ora un conto con ATFX

Nel medio e lungo termine, la confluenza long delle medie cicliche alimenta l’ipotesi di un’ulteriore estensione del movimento rialzista, ipotesi che trova il sostegno anche dai rendimenti percentuali positivi. Unico dato discordante segnalato dal Net Change è, al momento, quello semestrale, che registra una perdita di -1,00%, valore percentuale tondo che potrebbe far rimbalzare i prezzi dagli attuali livelli.

Una chiusura della settimana al di sopra dei 62.50$ potrebbe confermare la vew rialzista.

Articolo a cura della redazione di MQL Suite

The following two tabs change content below.

Alessio Moretti

Laureato in Economia e Management. Esperto di Digital Marketing e Social Media Marketing, dal 2017 è Content Editor e Social Media Strategist di TradingFacile. La sua grande passione per la fotografia lo ha portato negli anni a diventare un influencer su Instagram e su altri social media.